5 Scommesse
Da non Perdere

Scommesse Serie A del 21 e 22 Dicembre 2012

Serie A tim

Se il mondo non finirà prima, questo turno di campionato si giocherà in anticipo per le festività natalizie, scendono quindi in campo già oggi 21 Dicembre i due anticipi Pescara – Catania e Cagliari – Juventus, mentre domani 22 Dicemrbe in campo tutte le altre squadre.

Vediamo le quote offerte per questo turno di campionato da William Hill.

Venerdì 21 Dicembre

Pescara – Catania
Situazione di classifica ancora complicata per il Pescara (sfavorito a 3.60) che si trova terzultimo a 14 punti, mentre il Catania (favorito a 2.10, 3.20 la quota sul pareggio) ha  una situazione molto più rosea trovandosi all’ottavo posto in classifica con 25 punti, frutto anche delle due recenti vittorie su Siena e Sampdoria. Proprio queste due partite dimostrano come il Catania non abbia fatto sconti a squadre coinvolte nella lotta per non retrocedere ed  è quindi presumibile che anche con gli abruzzesi non farà eccezione, andando alla ricerca dei 3 punti nonostante ad avere molto più bisogno di fare bottino pieno siano i padroni di casa.
Visto lo stato di forma del Catania e anche le differenze numeriche tra i reparti (13 goal segnati e 34 subiti per il Pescara, peggior attacco e peggior difesa del campionato, mentre il Catania ha 25 goal segnati e altrettanti subiti), i siciliani dovrebbero portare a casa anche oggi l’intera posta in palio, anche per non fare torti a Siena e Sampdoria battute entrambe 3-1.

Cagliari – Juventus
Partita preceduta da una lunga coda di polemiche sulla sede della partita; alla fine si giocherà sul neutro di Parma, anche se Cellino ha accusato la Juventus di non aver dato l’ok per giocare allo stadio Is Arenas che sembrava aver ottenuto in extremis le autorizzazioni dal comune. Polemiche a parte, le quote dicono Juventus favorita a 1.40 contro il 4.50 del pari e il 7.50 del Cagliari, ma per i bianconeri le incognite in questo match non sono poche: prima tra tutte ci sarà da valutare la tenuta difensiva dopo l’infortunio di Chiellini (si parla di almeno 2 mesi di stop), che nelle ultime partite era sembrato l’uomo più in forma della difesa, inoltre i bianconeri che si trovano per la prima volta con un distacco di +7 sulla più diretta inseguitrice potrebbero pagare un po’ di rilassamento dettato dall’essersi lauerati campioni d’inverno con 2 turni di anticipo. Conte fin qui è stato bravo a evitare cali di tensione, ma la serie di recenti problematiche unite al dente avvelenato del Cagliar,i sia per la disputa in campo neutro, sia per il recente match di Coppa Italia vinto 1-0 dalla Juve che quindi i sardi vorranno “vendicare”; la squadra di Pulga e Lopez si trova per di più in una situazione di classifica scomoda (è 16esimo a 16 punti, solo +2 sulla zona retrocessione) e quindi la necessità di punti dei rossoblu unita alle incognite dal lato bianconero (e anche un po’ di sfortuna visti i recenti inforutni in serie) potrebbero far terminare la sfida quantomeno in parità.
Curiosa la coincidenza del calendario, infatti dopo la partita contro l’Atalanta di settimana scorsa a Torino, che nella scorsa stagione era stata l’ultima di Del Piero e l’occasione per la festa scudetto nello stadio bianconero, oggi la Juventus affronta il Cagliari in campo neutro, proprio come accaduto l’anno scorso nel match che determinò la conquista dello scudetto da parte della squadra di Conte (in quel caso però si giocò a Trieste).

Sabato 22 Dicembre
Su diverse partite (soprattutto quella dell’Inter) potrà influire il risultato di Parma tra Cagliari e Juventus, qualora infatti i bianconeri non dovessero fare punteggio pieno daranno infatti una spinta morale a tutte le inseguitrici, al contrario se la squadra di Conte riuscisse a ottenere i 3 punti potrebbe mettere ulteriore pressione alle inseguitrici che finora spesso hanno “aiutato” la fuga bianconera con prestazioni non ottimali e risultati spesso a sorpresa (basti pensare al Napoli – Bologna 2-3 dell’ultimo turno).

Inter – Genoa
Match da “testacoda” con l’Inter favorita a 1.36 contro il 4.50 del pari e il 9.00 del Genoa, è un match molto importante per entrambe le squadre anche se ovviamente per motivi diversi. Da un lato i nerazzurri si trovano a -7 dalla Juventus e devono assolutamente fare bottino pieno sia per non allontanarsi troppo dalla testa della classifica (o avvicinarsi, qualora la Juventus oggi non vincesse) ma anche per non rischiare di essere raggiunti o superati da Lazio (33 punti) Fiorentina (32) o Napoli (31 punti dopo il -2 ricevuto in settimana). La zona dal secondo al 5 posto è infatti ora molto compressa (4 squadre in 3 punti) e anche il minimo passo falso può far scendere di molte posizioni.
Motivazioni opposte per il Genoa che è al momento penultimo in classifica a 13 punti e ha quindi disperato bisogno di muovere la propria classifica, anche se è distante solo 3 punti ad esempio dal Torino 15esimo e quindi non è ancora in una situazione eccessivamente complicata, certo sarà difficile portare via punti da San Siro contando anche che i rossoblu hanno una pessima tradizione contro l’Inter (11 vittorie nerazzurre, tra cui tutti gli ultimi 5 scontri diretti, 3 pareggi e solo 3 vittorie genoane).

Bologna – Parma
Squadre abbastanza vicine in classifica come posizioni (10 il Parma, 13 il Bologna) ma non altrettanto come punti (18 il Bologna, 23 il Parma) e quest’ultimo dato fa sostanzialmente la differenza tra un Parma che può anche permettersi una sconfitta e un Bologna che invece trovandosi a solo +4 dalla zona retrocessione deve stare attento a non lasciare punti per strada. I rossoblu sono comunque favoriti a 2.30 contro il 3.20 assegnato sia al pari che ai gialloblu, inoltre il Bologna ha un ottimo rendimento recente con 5 vittorie, 1 pari e 1 sola sconfitta nelle ultime 7 partite (Coppa Italia compresa), tra cui le due vittorie consecutive tra campionato e coppa contro il Napoli (entrambe in trasferta) con prestazioni davvero molto convincenti. Il Parma arriva invece da 2 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte (coppe comprese), in generale però quello tra Bologna e Parma è un match molto equilibrato dove i precedenti parlano di 9 vittorie dei felsinei, 9 pareggi e 8 vittorie dei ducali, inoltre negli ultimi 5 scontri diretti si contano 1 vittoria a testa e 3 pareggi. Dato che proprio il pari alla fine andrebbe abbastanza bene a entrambe le squadre ci sembra un risultato piuttosto probabile anche per l’incontro di oggi.

Sampdoria – Lazio
Ospiti favoriti a 2.25 contro il 3.20 del pareggio e il 3.25 della Sampdoria in questo match che mette di fronte due squadre agli antipodi praticamente in tutto, sia come classifica (Lazio terza a 33 punti, Sampdoria 14esima a 17, solo +3 dalla zona retrocessione) che soprattutto come morale dato che la Sampdoria arriva da 2 vittorie, 1 pareggio e 4 sconfitte negli ultimi 7 incontri, risultati che sono costati la panchina a Ciro Ferrara, mentre la Lazio ha uno score elevatissimo con 5 vittorie e 2 pareggi negli ultimi 7 incontri (coppe comprese). Anche i precedenti sono dalla parte dei biancocelesti con ben 15 vittorie, contro le 8 della Sampdoria e i 6 pareggi.
Spesso il cambio di allenatore porta qualche vantaggio nell’immediato, sembra difficile però che i biancocelesti possano avere un calo di tensione ora che sono vicinissimi all’Inter e quindi all’accesso diretto in zona Champions League, in più la Sampdoria tra infortunati e squalificati deve fare a meno di Maxi Lopez, Maresca, Munari e Tissone. Solo Candreva assente invece nella Lazio che potrà contare su Klose autore di una grande prestazione (e del goal vittoria) nello scorso match contro l’Inter.
A nostro avviso il neoallenatore dei blucerchiati Delio Rossi dovrà attendere per mettere a segno punti per la sua nuova squadra, perchè la Lazio sembra in ottima forma e la situazione in classifica dovrebbe darle ulteriori motivazioni per concludere positivamente il 2012.

Torino – Chievo
Match che si preannuncia intenso tra il Torino (15esimo con 16 punti, soli +2 sulla zona retrocessione) e il Chievo messo invece un po’ meglio (11esimo con 21 punti, +7 sulla zona retrocessione). Favoriti i padroni di casa a 2.10 contro il 3.20 del pari e il 3.60 del Chievo, che arrivea però molto meglio al match forte delle 3 vittorie consecutive ottenute negli ultimi 3 turni di campionato, mentre il Torino arriva da una serie negativa con 2 pareggi e 4 sconfitte nelle ultime 6 partite (coppa Italia compresa). I granata hanno però un maggior bisogno di punti e giocano sul campo amico, inoltre hanno un vantaggio – seppur leggero – negli scontri diretti con 6 vittorie e 6 pareggi, 4 invece le vittorie dei gialloblu.
Negli ultimi 5 scontri diretti tra le due si contano 1 vittoria per parte e 3 pareggi, tra cui i due 1-1 dello scorso campionato. Sebbene un pareggio potrebbe andar bene ad entrambe (visto anche che il Pescara che apre la zona retrocessione coi suoi 14 punti ha comunque in difficile impegno con il Catania), il Torino dovrebbe avere maggiori motivazioni e potrebbe quindi sfruttare anche il terreno amico per tornare alla vittoria, “complice” un Chievo che trovandosi in una situazione di classifica al momento comoda non avrà bisogno di giocare con il coltello tra i denti.

Atalanta – Udinese
Decisamente la partita più “tranquilla” di giornata quella  tra Atalanta (favorita a 2.20) e Udinese (sfavorita a 3.30, 3.10 il pareggio), con due squadre piuttosto comode in classifica (Udinese 9 a 23 punti, Atalanta 12esima a 21 quindi a +7 dalla zona retrocessione nonostante il -2 di penalità). Il fatto che nessuna delle due abbia un impellente bisogno di punti dovrebbe favorire un match giocato a viso aperto, dato che comunque entrambe possono anche permettersi una sconfitta senza pregiudicare nulla, anche se ovviamente l’Udinese è quella forse più delusa dalla sua attuale classifica essendo abituata a giocare negli ultimi anni per l’accesso alle coppe europee.
Sebbene l’Udinese sia favorita negli scontri diretti (12 vittorie contro le 8 dell’Atalanta, 9 i pareggi) la storia recente è invece più favorevole ai bergamaschi che hanno raccolto negli ultimi 5 scontri diretti 2 vittorie e 3 pareggi (tutti per 0-0). Ci sembra difficile, vista la “spensieretezza” con cui le due compagini possono disputare il match, che questa partita finisca senza reti, più ipotizabbile invece un pareggio con goal.

Palermo – Fiorentina
Anche la Fiorentina è favorita pur giocando in trasferta, quotata 2.30 contro il 3.10 del Palermo e il 3.20 del pari. Le due squadre hanno una situazione di classifica opposta, con i viola quarti e il Palermo quartultimo: la Fiorentina si trova a soli -2 dalla seconda posizione dell’Inter e quindi dall’accesso diretto alla Champions League, mentre i rosanero sono solo a +1 sulla zona retrocessione e hanno bisogno di punti dopo che nelle ultime 4 partite hanno ottenuto solo 1 pareggio e 3 sconfitte (2 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta invece per la Fiorentina). I precedenti sono a favore dei rosanero sia nel computo totale (9 vittorie contro 6, 3 i pareggi) che in quello recente, negli ultimi 5 scontri diretti si contano infatti 3 vittorie del Palermo, 1 della Fiorentina e 1 pareggio per 0-0, lo scorso anno al Barbera finì 2-0 per i padroni di casa.
Entrambe hanno bisogno di punti, seppur per ragioni opposte, ed entrambe si trovano in zone affollate di classifica (dal 2 posto dell’Inter al sesto della Roma passano solo 5 punti che raccolgono quindi 4 squadre, così come 5 punti passano anche dal 13esimo posto del Bolona al 19eismo del Siena, quindi ben 6 squadre raccolte in questo range), pertanto per entrambe una sconfitta sarebbe pericolosa perchè potrebbe far perdere diverse posizioni, ovviamente a rischiare di più è il Palermo che è invischiato nella lotta per non retrocedere mentre la Fiorentina si sta confermando la sorpresa in positivo del campionato sia come risultati che come gioco espresso. A nostro avviso, considerato che i viola in trasferta non hanno brillato (2 vittorie, 3 paregi e 3 sconfitte) mentre il Palermo ha raccolto quasi tutti i suoi punti in casa (12 su 15, con 3 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte), ci può stare dare fiducia ai rosanero anche eventualmente come puntata singola vista l’interessante quota di 3.10.

Siena – Napoli
Questo è probabilmente il match tra le due squadre col morale più basso del momento. Secondo William Hill è favorito il Napoli a 1.95 contro il 3.30 del pari e il 4.00 del Siena, ma decisamente sono più le vicende “extra-campo” a parlare per questo match, dopo il -2 inflitto ai partenopei con la squalifica per 6 mesi del capitano Cannavaro e di Grava. Come se non bastasse, gli azzurri arrivano da 2 sconfitte in pochi giorni tra campionato e coppa Italia, entrambe subite con il Bologna, per cui sono passati in breve dal secondo posto a -5 dalla Juventus a essere quinti, a -10 dalla vetta, e fuori dalla Coppa Italia. Una mazzata che potrebbe lasciare il segno, nonostante il Siena sia avversario abbordabile dato che è ultimo in classifica con soli 11 punti (frutto anche del pesante -6 di penalità). Per i toscani, anche se nel computo totale dei precedenti c’è equilibrio (5 vittorie per parte e 4 pareggi) ed entrambe arrivino da 4 sconfitte negli ultimi 4 incontri (coppe comprese), il compito sarà molto difficile dato ad esempio che il Napoli può contare su numeri di gran lunga migliori (31 goal segnati contro i 16 del Siena, 17 subiti contro i 24 del Siena, anche se in difesa l’assenza di Paolo Cannavaro rischia di essere molto incisiva).
Nonostante la grande necessità di punti per i bianconeri, a nostro avviso vincerà il Napoli che avrà anche molta rabbia in corpo dati sia i recenti risultati che la penalizzazione subita, per il Siena c’è comunque la speranze che avendo anche Pescara, Genoa e Palermo impegni molto difficili la classifica nella zona bassa non si muova molto in questa giornata.

Roma – Milan
Match clou di giornata quello che è uno scontro diretto per il sesto posto, con la Roma leggermente favorita a 2.30 contro il 2.87 del Milan e il 3.50 del pareggio. I giallorossi hanno due punti in più in classifica (29 contro 27) ed entrambe le squadre sono in ottima forma, per i giallorossi 5 vittorie e 2 sconfitte negli ultimi 7 incontri (coppe comprese), per il Milan addirittura 6 vittorie e 1 sola sconfitta (coppe comprese). I precedenti dicono 18 vittorie del Milan, 12 dellla Roma e 14 pareggi, negli ultimi 5 scontri diretti sono 2 vittori rossonere, 1 giallorossa e 2 pareggi, si preannuncia insomma un match a dir poco combattuto, con la squadra di Zeman che nelle ultime partite sembra aver registrato la difesa (solo 4 goal subiti nelle ultime 5 gare) e continua comunque a segnare con abbastanza continuità, tanto che lo scorso turno contro il Chievo è stato un’eccezione per i giallorossi che sono rimasti a seccoper la prima volta in campionato, dove vantano il miglior attacco (38 goal segnati). Anche il Milan mette comunque in campo una gran potenza di fuoco (32 goal segnati) e ha anche una difesa leggermente migliore (22 goal subiti dal Milan contro i 27 della Roma), le due squadre alla fine si trovano comunque in equilibrio nella differenza reti (+11 per la Roma, + 10 per il Milan).
La gara è assolutamente da tripla, probabilmente il risultato peggiore per entrambe sarebbe il pareggio dato che visti anche gli incontri di Juventus, Inter, Lazio, Fiorentina e Napoli c’è la concreta possibilità che buona parte delle prime della classe ottenga dei punti, e dato che già la Roma è a -2 dal Napoli (attualmente quinto, il milan invece è a -4 dallo stesso Napoli) ottenere solo 1 punto a testa rischia di far aumentare il divario dalla zona di qualificazione alle coppe europee. Probabile un match ricco di goal, data da una parte la cooperativa del gol giallorossa (Lamela e Osvaldo hanno 8 reti a testa, Totti 6, Destro 4) da una parte e lo straripante El Shaarawi dall’altra (14 reti già messe a segno, il secondo marcatore stagionale del Milan è Pazzini con 6, segue Montolivo con 2).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *