5 Scommesse
Da non Perdere

Scommesse Serie A 22 e 23 Settembre 2012

Serie A tim

Passata la prima settimana “ufficiale” di coppe europee, con i gironi di Champions ed Europa League e il loro ricco carico di partite, è tempo di rituffarsi sul campionato italiano, che ormai come di consueto “spalma” le partite quasi sull’intero arco di due giornate. Due gli appuntamento di oggi, sabato 22 settembre, e di conseguenza 8 i match in programma per domenica.

Questa settimana ti consigliamo le quote di InterWetten

Sabato 22 Settembre 2012

Delle squadre in campo oggi, soltanto la Juventus è reduce da una partita in Europa (il 2-2 in rimonta a Stanford Bridge), e il calendario le mette di fronte il Chievo con cui i bianconeri non vincono addirittura dal 23 Agosto 2009, dopo di che 1 sconfitta per 1-0 e ben 4 pareggi.

Le prime a scendere in campo cronologicamente saranno però Parma e Fiorentina, che si sfideranno alle 18.00. Partita equilibrata secondo i bookmaker (1 quotato 2.30, X 3.20 e 2 2.80). Lo Jovetic visto finora (già 4 reti) fa sognare i tifosi viola, inoltre i precedenti dicono 15 vittorie per la Fiorentina, 10 per il Parma e 8 pareggi (negli ultimi 5 incontri invece si contano 2 vittorie viola, 2 pareggi e 1 vittoria gialloblu).
Meno indicativa la partenza in campionato: il Parma infatti ha sì collezionato già 2 sconfitte, ma contro Juventus e Napoli (che ha sconfitto anche la Fiorentina nella seconda giornata di campionato). Confidare del buono stato di forma di Jovetic e dei viola e tentare il “2” può essere un rischio più che accettabile anche considerando l’ottima quota di 2.80 che la rende appetibile anche come scommessa singola.

Alle 20:45 scenderà invece in campo la Juventus contro il Chievo, la “bestia nera” dei torinesi proprio alla luce dei già citati 4 pareggi e 1 sconfitta negli ultimi 5 incontri. Se a questo aggiungiamo che la trasferta lodinese ha restituito alla Juventus un Pirlo che probabilmente verrà fatto rifiatare (Pogba o Marrone i probabili sostituti) e un Vidal acciaccato che non sarà della partita, la quota di 1.30 sull’1 è forse un po’ ottimistica, e si potrebbe fare un pensierino sull’X (4.80) che si è verificato due volte anche nello scorso campionato. Un’affermazione dei veronesi è data invece a 8.50. Interessanti le quote sul Goal/No Goal, entrambe quotate 1.82: la difesa della Juventus ha già “ballato” pericolosamente contro il Genoa (1 goal subito ma diverse parate di Buffon e qualche errore di mira dei rossoblu) e in questa stagione la porta bianconera è rimasta inviolata solo contro il Parma, per cui si potrebbe puntare sul fatto che entrambe le squadre vadano a segno, che con la quota di 1.82 garantisce comunque un buon moltiplicatore con un rischio minore rispetto all’esito finale del match.

Domenica 23 Settembre

Praticamente nessun match “scontato” secondo Interwetten, un buon numero partite con quote tutte sopra il 2.00, evento che per il campionato italiano è abbastanza anomalo ma che probabilmente dovremo abituarci a vedere spesso in queste settimane, specialmente dopo il brutto avvio di stagione di alcune squadre che avevano ben altre pretese e più in generale per la partenza di molti campioni dalla Serie A.

Partiamo dal match di pranzo, Sampdoria – Torino. I blucerchiati viaggiano a punteggio pieno (anche se hanno un punto di penalità hanno comunque vinto 3 match su 3 come Juventus, Lazio e Napoli) e hanno offerto prove finora piuttosto convincenti, anche se la vittoria di inizio stagione contro il Milan è stata forse un po’ ridimensionata dai brutti risultati ottenuti poi in casa dai rossoneri (ultimo cronologicamente il pareggio con l’Anderlecht). Meno “sprint” la partenza del Torino che deve i suoi attuali 3 punti al 3-0 inflitto al Pescara, con cui la Sampdoria ha invece faticato un po’ di più (3-2 nell’ultima giornata giocata). Le quote dicono 2.00 per la Sampdoria, 3.30 per il Torino e 3.30 anche per il pareggio. Gli ultimi 2 precedenti, nello scorso campionato di B, sono stati vinti entrambi dai granata (ed entrambi per 2-1), ma l’avvio blucerchiato fa pendere a nostro avviso leggermente la bilancia verso la squadra di Ciro Ferrara.

Consueta scorpacciata pomeridiana di match, si segnalano in particolare tre partite per quanto riguarda le quote, e sono Cagliari – Roma, Catania – Napoli e Udinese – Milan, che prevedono quasi quote “fotocopia” tra loro.

Catania – Napoli e Udinese – Milan vedono entrambe la squadra di casa quotata 2.80, il pareggio 3.20 e la squadra in trasferta 2.30.

Nel caso di Catania – Napoli la quota sul “2” può sembrare po’ “generosa”, visto l’ottimo avvio di campionato della squadra di Mazzarri, che ha pure figurato benissimo in Europa League con un perentorio 4-0 sugli svedesi dell’AIK. E’ vero però che i precedenti sono equilibrati (5 vittorie il Catania, l’ultima proprio lo scorso campionato in Sicilia, 6 vittorie il Napoli, 3 pareggi) e che la partita disputata appena giovedì può togliere energie ai partenopei, che già nella scorsa stagione hanno scontato il problema di una panchina non all’altezza dei titolari che ha tolto punti in campionato a dispetto delle ottime prestazioni in Champions League, tuttavia gli azzurri sono apparsi in gran forma e hanno già segnato 8 reti in Serie A, subendone solo 2 (5 gol segnati a fronte di 6 subiti è invece il bottino del Catania). Gli innesti operati in fase di mercato dovevano poi proprio ovviare alla panchina “corta” e come dispendio di energie mentali l’Europa League è inferiore alla Champions, consideriamo pertanto favorita (anche se di poco) la squadra di Mazzarri.

bonus benvenuto

Se nel caso di Catania – Napoli le quote equilibrate sono date da un buon avvio di entrambe le squadre e da precedenti equilibrati, opposto è il discorso per Udinese – Milan: la poca differenza tra le quote è data quasi certamente dal pessimo avvio di campioanto di entrambe le compagini, entrambe con già 2 sconfitte alle spalle, e dal ridimensionamento che entrambe hanno subito dopo l’ultimo mercato estivo; inoltre il Milan non ha convinto nemmeno in Champions League – dove ha raccolti molti fischi – e, come non bastassero i risultati deficitari sul campo, in questi giorni è scoppiata la “bomba” della lite (poi smentita o comunque ridimensionata dalla società) tra Allegri e Inzaghi, a sottolineare un clima tutt’altro che tranquillo. Secondo molti media Udine è l’ultima spiaggia per Allegri, ma anche i bianconeri sono a disperata caccia di punti. La probabilità di assistere – come già avvenuto in Siena – Udinese, che avevano analogamente entrambe bisogno di smuovere la classifica – ad un pareggio con goal (la quota per il Goal è 1.80, quella per il No Goal 1.85) è tutt’altro che remota, entrambe le squadre vengono tra l’atro dai pareggi nelle partite europee: anche se l’Udinese avendo giocato giovedì contro l’Anzhi (raggiunto solo al 90′) potrebbe scontare un po’ più stanchezza fisica, il Milan deve fare invece i conti con un ambiente decisamente più in subbuglio e avere quindi maggiori tensioni a livello mentale, che se da un lato possono aumentare la voglia di riscatto, dall’altro possono portare del nervosismo se il match non si mettesse subito sui binari giusti per i rossoneri.

Cagliari – Roma come detto è il terzo match con le quote più “bilanciate”: 2.70 la vittoria dei sardi, 3.20 il pareggio, 2.40 l’affermazione dei giallorossi. I precedenti indurrebbero a non puntare sul pareggio come esito finale (3 vittorie del Cagliari e 2 della Roma negli ultimi 5 match), ma più in generale il rischio minore per questo match può arrivare dalle puntate sui goal: negli ultimi 7 precedenti infatti sono stati sempre segnate almeno 3 reti (tant’è che l’over 2.5 è quotato relativamente basso, 1.60), ma se consideriamo che la Roma nelle prime 3 giornate di campionato ha sempre totalizzato un over 3.5 e che le ultime 4 partite giocate a Cagliari tra i sardi e i giallorossi sono finite 4-2, 5-1 2-2 e 2 -2, tentare un over 3.5 (2.20) è una tentazione appetibile. Per chi ama maggiormente il rischio c’è anche la possibilità di un over 4.5 (4.25), però assai più rischioso anche considerando che dopo le colossali dormite contro il Bologna i difensori giallorossi avranno ricevuto una sonora strigliata e dovrebbero quindi essere piuttosto “in campana”.

Detto delle partite sulla carta – o meglio, “sulle quote” – più equilibrate, anche il resto del palinsesto non vede squadre con quote irrisorie e quindi date come strafavorite, solo l’Inter che è quotata sotto l’1.60 (1.40, per la precisione) non offre particolare interesse per la schedina, a meno di non voler puntare sull’X (4.10) o su un’affermazione del Siena (7.00) che non sembrano tuttavia ipotesi molto probabili dati i risultati non esaltanti dei bianconeri toscani. L’Inter ha certamente accumulato stanchezza fisica e mentale col Rubin Kazan in Europa League (pareggio per 2-2 raggiunto in extremis) ma la rosa dovrebbe garantire ricambi sufficienti per non farsi impensierire troppo dal Siena, nonostante entrambe le squadre di Milano finora abbiano una pessima media quando si trovano a giocare a San Siro.

La quota più interessante tra le squadre favorite è probabilmente il Bologna: contando che riceve in casa il Pescara, finora sempre sconfitto, e viene dalla vittoria in rimonta contro la Roma, l’1.75 per la vittoria dei rossoblu vale decisamente più di un pensierino: il Pescara sembra al momento l’unica squadra con una rosa decisamente inferiore alle altre squadre di serie A, del resto le partenze di Verratti, Insigne e Immobile (e di Zeman) hanno evidentemente minato molte delle certezze della neopromossa, che finora ha sempre subito 3 goal a partita.

Segue l’Atalanta: è quotata piuttosto alta (1.90 pur giocando in casa), affronta il Palermo che ha vissuto un pessimo avvio di campionato (2 sconfitte e 1 pareggio) e viene dalla vittoria in trasferta contro il Milan: i rosanero però hanno appena vissuto il cambio di allenatore che storicamente da spesso una “scossa” alla squadra almeno nei primi match, anche se a Palermo con Zamparini presidente il cambio di mister non è certo un fattore particolarmente sconvolgente per i giocatori!
I precedenti dicono 3 vittorie dell’Atalanta, 6 del Palermo (di cui 3 negli ultimi 5 match) e 5 pareggi: proprio l’X (3.30) potrebbe bilanciare il fattore “novità” e la voglia di riscossa dei siciliani e le qualità messe fin qui in mostra dai bergamaschi. Un’affermazione della squadra passata da Sannino a Gasperini è quotata 3.70, ma pensare che in pochi giorni la stessa squadra che finora ha offerto sempre prestazioni assai poco convincenti riesca a battere un’Atalanta in fiducia è un pensiero che probabilmente nemmeno molti tifosi palermitani hanno in mente.

Chiudiamo con Lazio – Genoa: i rossoblu arrivano dall’ottima prestazione contro la Juventus, dove pur subendo una sconfitta per 3-1 hanno messo in seria difficoltà i bianconeri, mentre i biancocelesti che viaggiano a punteggio pieno in classifica hanno nelle gambe le stanchezza dell’Europa League dove hanno comunque strappato un ottimo 0-0 in casa del Tottenham. La squadra di casa è data per favorita (1.60), ma il Genoa ha vinto gil ultimi 2 incontri nello scorso campionato (2-1 e 3-2). La Lazio ha Hernanes e Klose in gran forma (già 3 gol a testa), il Genoa ha come miglior marcatore Immobile (2 reti già all’attivo). Partita dal pronostico difficile e ricca di incognite, la quota tutto sommato bassa (se presa singolarmente) della Lazio può far protendere per tentare una singola sull’X (3.60)  o addirittura sulla sorpresa genoana (5.00) che del resto già si è verificata nello scorso campionato in entrambi gli incontri.

Come già nella scorsa giornata di Serie A, le quote piuttosto equilibrate rendono possibile ottenere degli ottimi moltiplicatori anche con poche partite, questo permette di giocare magari un paio di schedine in più “spalmando” maggiormente il proprio investimento. Meglio approfittarne finchè le gerarchie in campionato non sono definite e le coppe europee aggiungono un’ulteriore incognita che comporta un generale livellamento delle quote su diversi match!

bonus benvenuto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *